Casa Plenaire di Studio Child

in Interni, Ispirazione, Ispirazione colori, Mobili, Outdoor, Persone

Viaggiare con la mente e con la fantasia è un’abilità che abbiamo sviluppato nei secoli ma con il livello di realismo a cui siamo abituati oggigiorno, in TV e sui social media, sembra che sia necessario usare l’immaginazione sempre meno. Il nuovo astratto diventa sempre più reale.

Grazie ad una sempre più rampante evoluzione tecnologica, possiamo creare mondi che assomigliano se non eccellono rispetto a quelli in cui viviamo, possiamo produrre oggetti con stampanti complesse e costruire spazi idilliaci seduti alla nostra scrivania.

Un pò quello che ha fatto Studio Child per Plenaire, un dinamico, sostenibile brand Britannico per la cura della pelle. Che Huang e Alexy Kos hanno disegnato il perfetto nido durante l’isolamento, un posto dove molti di noi preferirebbero essere ora. Usando dei programmi 3D, il prolifico duo ha progettato una casa sul mare (forse su un’isola?), inondata di luce e aria. Le stanze mi ricordano le case della Grecia o del Sud Italia con in muri in calce bianchi e viste mozzafiato di mari di un azzurro intenso e potente.

Gli arredi sono spartani ma scelti con attenzione: pezzi di Pierre Paulin, Eero Aarnio e Greta von Nessen si accompagnano a oggetti estivi come cappelli di paglia, ventagli e anfore.

Un altro progetto interessante di Studio Child; non vedo l’ora di vedere il prossimo! Nel frattempo, guardate (o riguardate) uno dei loro recenti meravigliosi lavori, Humble Pizza a Londra.

Images courtesy of Child Studio