Tag

black&white

in Interni, Ispirazione

I disegni metafisici di Jason Chambers

jason chambers art. jason chambers, plus deco blog, ink drawings, surreal drawings, black and white art, picasso inspiration

Forse non ve l’ho mai detto ma lo sfondo della home-page di +DECO l’ho disegnato io. Da quando ero piccola, mi diletto a fare pagine e pagine di ghirigori, mini forme che si incastrano l’una con l’altra a formare dei motivi. L’ispirazione mi è venuta da mia cugina che mi scriveva degli biglietti bellissimi, con una grafia elegante e decorazioni simili a quelle del mio sfondo.

Anche Jason Chambers gioca con le forme ma in modo molto più complesso. Il suo mondo è stato chiaramente ispirato da Picasso, dai surrealisti ma anche dal Cubismo e rivela molte sorprese. I suoi disegni sono divertenti ed onirici allo stesso tempo, espressione di un flusso di coscienza, come se fosse la penna a guidarlo. Se si osserva bene, dall’incastro di forme e segni, appaiono occhi (tanto occhi), facce, bocche, lettere, uccelli, farfalle, fiori, orecchie e limbi. Come una convivenza forzata di un’umanità surreale riportata su un foglio.

Spero tanto che presto qualcuno chieda a Jason Chambers di fare un grosso murales perché i suoi disegni ben rappresentano a mio avviso quel formicolante esistere tipico delle città, un pò buffo ed un pò tragico.

in Fai da te, Interni, Ispirazione, Mobili, Persone

Lo spirito del macramè

Dietro queste bellissime creazioni in macramè, c’è una giovane donna di nome Carla Rak con molto da dire e un brand molto promettente Aprile, lanciato da poco.

L’abbiamo intervistata per scoprire la sua storia, capire da dove viene la sua ispirazione e approfondire i suoi progetti.

Hai alle spalle anni d’esperienza come photo-editor. Come sei arrivata dall’immagine al design artigiano?


Per anni la mia principale occupazione è stata la fotografia. Photoeditor nell’Agenzia Contrasto, ho piegato i miei studi– una laurea in Sociologia e un Dottorato di ricerca in Comunicazione – alla ricerca visuale, ottenendo per questi riconoscimenti dall’Istituto Italiano di Studi Filosofici e dalla Fondazione Benetton. Dal 2011 ho iniziato ad insegnare Editing e fotogiornalismo all’Istituto Superiore di Fotografia di Roma, dove tuttora insegno.

Eppure, terminati gli studi universitari, ho sentito il bisogno di continuare un percorso di ricerca, stavolta personale. Ho lasciato l’agenzia e ho iniziato ad affiancare al percorso in ambito fotografico quello artistico, al cui centro si pone l’esplorazione di temi a me cari, con l’uso di tecniche e strumenti diversi, di volta in volta appresi e scelti a seconda del contenuto che era mia intenzione veicolare.
Si alternano nei miei lavori principalmente fotografia, collage, scrittura e tessili. Da pochi mesi è uscito il mio libro Eyes as Oars, una sperimentazione nell’uso delle immagini d’archivio (Montanari editore). Più in particolare, il mio lavoro con i tessili è iniziato con il ricamo e l’uncinetto, che ho appreso da autodidatta. Non erano per me strumenti con cui realizzare cose utili, come maglioni o quant’altro. Piuttosto, mezzi che usavo per concetti o stati d’animo. Ne sono nate maschere tessili, una gigantesca mano ad uncinetto esposta a Milano nel 2015, collage tessili, riflessioni ricamate o al filet.

Solo all’inizio del 2019 mi sono avvicinata al macramè, anche questo appreso da autodidatta, ed è nato AprileTextiles.
Mi piacciono le tecniche che consentono, a partire da uno strumento semplice, da pochi mezzi, di creare un numero pressoché infinito di possibilità diverse. Un ago, un uncino o come in questo caso, le sole mani. Rispetto ad altre è una tecnica a cui ci si avvicina facilmente e velocemente, ma l’esplorazione sta nel trovare un proprio linguaggio, coerente e suscettibile di ulteriori sviluppi.

La casa è per me un luogo importante e altamente simbolico, dove trovo giusto contornarsi di oggetti caldi e durevoli piuttosto che solo di oggetti industriali e dalla vita breve. Gli arazzi in macramè possono essere una decorazione semplice ma che non passa inosservata, così come– declinati in grandi dimensioni – il pezzo forte di una stanza. Ma soprattutto, con la complessità dei nodi, la matericità delle corde, sono capaci di scaldare immediatamente l’ambiente in cui si trovano ad essere ospitati.

Le tue creazioni rivisitano in una chiave molto contemporanea ed elegante la tecnica del macramé, cara alla tradizione mediterranea. Da dove arriva in particolare l’ispirazione per i tuoi artefatti? 


Nel campo dell’immagine, come nel collage, mi rendo conto che muovo sempre di più verso l’astrazione e lo studio delle forme. Il macramè di per sé è una tecnica molto decorativa, con cui puoi creare pattern complessi e sfarzosi. La sfida per me è quella di rispettare questa sua natura tentando tuttavia di asciugarla, renderla più minimale senza per questo farla apparire fredda. Trovare un equilibrio. Tuttavia è una sperimentazione continua: di lavoro in lavoro spesso utilizzo corde molto diverse tra loro, e ognuna di queste ti richiede di imparare a conoscerla; ognuna rende i nodi diversamente, collabora in modo diverso al progetto che avevi in mente, e questo fa sì che spesso l’idea di partenza venga trasformata nella fase processuale. Qualsiasi lavoro in questo campo è il frutto di una collaborazione/scontro tra quello che hai in mente e la tecnica che stai utilizzando.
Il macramè all’estero è molto di moda, soprattutto nelle sue declinazioni boho, lontane dai miei riferimenti. I miei sono piuttosto la geometria e la collaborazione armonica tra le forme. Una grande ispirazione sono le decorazioni della mia città (Roma), o almeno quello che rimane di un tempo in cui le cancellate, i balconi, gli androni dei palazzi, la pavimentazione pubblica, vivevano di decorazione, per il semplice e vitale motivo che erano più belli. Questo è oggi considerato superfluo e antieconomico, e tuttavia ritengo che continuiamo ad averne bisogno. Per questo spesso li fotografo per strada come una sorta di sketchbook.

Gli intrecci di Aprile sono fatti a mano e sono totalmente sartoriali sia nella misura che nella forma e l’intreccio; si prestano per decorare uno spazio in molti modi diversi.  Come vengono maggiormente usati dai tuoi clienti?

Per adesso sono utilizzati prevalentemente come arazzi da parete. Tuttavia il macramè è una tecnica molto versatile, può essere usata per realizzare sedute, lampade, divisori di spazi, tappeti e molto altro. In questo caso non puoi prescindere dal disegnarli e realizzarli ad hoc per il cliente.


Le tue creazioni sono prevalentemente bianche o nere. Hai mai pensato di sperimentare intrecci di più colori o di un altro colore?

Proprio nell’ultimo pezzo realizzato ho inserito un accenno di colore. Vedremo. Mi piacerebbe sperimentare in così tante direzioni che mi servirebbero più vite. Piano piano. Nei miei progetti c’è anche di proporre a breve con Aprile complementi d’arredo realizzati anche con altre tecniche. E lì, almeno nella mia testa, ci sarà molto colore.

(Fotografie di Aprile)

in Interni, Mobili, Persone

La Snoopy Matt in edizione limitata

Lo so che può sembrare un suggerimento per i miei regali di Natale (magari!) ma non posso non menzionare il fatto che Flos ha prodotto la versione opaca della luce Snoopy per celebrarne il suo cinquantesimo anniversario.

E’ un’edizione limitata di 1700 pezzi dell’iconica lampada da tavola disegnata dai fratelli Castiglioni nel 1967, identica a quella in catalogo a parte per la finitura opaca del paralume a ispirata al muso del cane più famoso della storia del fumetto.

Un oggetto del desiderio per collezionisti e amanti del design, nonchè un sicuro investimento.

in Interni, Ispirazione, Ispirazione colori

Easy chic

Ciao a tutti, le cose vanno a gonfie vele in questo periodo, senza grosse novità ma suppongo sia meglio così.

Il lavoro procede bene, lentamente ma costantemente e sono finalmente riuscita a raggiungere una buona qualità di vita. Ho persino ripreso finalmente, dopo un anno di sola bici, a fare yoga. Per problemi di orario, non riesco più ad andare alla scuola di Astanga dove sono praticato per anni ma recentemente hanno aperto un’altro centro serio vicino a casa, dove hanno una lezione di Hatha alle 7.30 del mattino. Non l’avrei mai detto ma sono entusiasta dell’orario e la pratica mi piace molto, è quello che mi serve ora. A volte bisogna sapersi ascoltare ed essere pronti a cambiare direzione per assecondare i tuoi bisogni del momento.

La casa che voglio farvi vedere oggi riflette in parte il mio stato mentale: calmo, attento e appagato.

Questo  appartmento è stato pubblicato (via Planete Deco) sul sito di Entrance, un mediatore negli acquisti e vendite di proprietà e le foto sono di Anders Bergstedt.

Come puoi vedere la struttura è molto semplice: muri bianchi, finestre bianche, nessuna particolarità strutturale.

Ripropone una ricetta che funziona sempre: struttura bianca, elementi neri, dettagli trendy che catturano l’attenzione, tessuti grigi chiari e pochi pezzi vintage in legno. L’atmosfera è serena e le stanze sono inondate di luce. Dare un nuovo look ad un posto come questo è molto facile e non dispendioso, devi solo cambiare le cose alle pareti, alcuni dettagli ed i cuscini; è l’equivalente nl mondo degli interni del vestito nero.

A volte le cose semplici sono quelle che funzionano meglio nella vita di tutti i giorni. Sempre meglio, se in dubbio, non strafare.

in Interni, Ispirazione colori, Persone

DKUK Studio

Alcuni dei miei migliori amici vive a Peckham, nel sud di Londra. La nostra amicizia è nata a Brixton e Clapham e circa 10 anni dopo ci ritroviamo ancora a sud, solo che a volte a Sud di Roma e a volte a Sud di Londra 🙂

Peckham è cambiata tantissimo da quando vivevo a Londra, in un modo cos’ veloce e radicale che è possibile solo nella capitale britannica.

E’ adesso un posto pieno di bar e negozi cool, popolato da molte persone  vestite vinateg e con barbe lunghe quanto il Tamigi.

I  miei amici hanno un pub molto vivo qui, chiamato The Montpelier; se siete in zona e volete vedere la vera Londra, fateci un salto (per una pinta o due).

Un buon esempio della nuova vita a Peckham è DKUK Salon , un parrucchiere dove si espongono quadri  che propone un nuovo concetto e degli interni che colpiscono firmati da Sam Jacob StudioDKUK Salon è stato aperto nel 2014 da Daniel Kelly, un artista e parrucchiere che ha avuto l’idea di attaccare quadri invece che specchi nel suo Salone di modo che i clienti potessero apprezzare senza fretta le opere invece che fissare la propria immagine. E’ un’idea concettualmente molto carina ed in questo caso anche ben presentata (anche se devo ammettere, la sensazione di non essere in controllo sull’operato della forbice del parrucchiere, mi mette l’ansia). Questo piccolissimo negozio cattura con muri coperti di assi bianche e un dettagli gialli ispirati agli anni ottanta.

Le foto sono di Jim Stephenson.

SalvaSalva

Close