Tag

presents

in Interni, Ispirazione, Mobili

I mobili per bambini che gli adulti invidiano

Buonasera miei amati lettori,

Spero che stiate bene. Io non mi lamento, ho molte cose che bollono in pentola. Ho appena cominciato un nuovo progetto, la ristrutturazione di un appartamento di 140 metri quadri, fortunatamente vicino a casa.

Ho così tante idee, spero solo di poterle realizzare!

Il mio sito è quasi pronto e ve lo farò vedere presto insieme al video di presentazione della mia attività di interior design personal shopping.

Come vi dicevo, sono in periodo molto prolifico creativamente, a volte penso che dovrei aprire uno studio, dove portare avanti vari progetti in vari in collaborazione con persone che stimo, anch’esse con teste fumanti come la mia!

Nel mio studio, metterei sicuramente una Bambi Chair e una Marshmallow Chair di Kinder Modern (un negozio online che vende incredibili arredi di design per i bambini) per un pò di leggerezza anche se probabilmente sono troppo larga e lunga per usarle.

Qui di seguito vi presento una selezione di cose carine che puoi trovare su Kinder Modern e che portano varie firme. I tappeti sono perfetti anche per gli adulti.

I prezzi sono lontani da marchi come Ikea ma dovete considerare che stiamo parlando di pezzi di design che vorrai tenere anche quando i tuoi figli cresceranno e se ne andranno di casa.

Per ulteriori idee, guarda le belle stampe di Castle or i furbi arredi di Rafa Kids.

+deco blog, plusdeco blog, plus deco, kids furniture, duck light, kids chair, kids present ideas, wooden kids furniture, kids design furniture, kinder modern, interiors blog, interior design blog
+deco blog, plusdeco blog, plus deco, kids furniture, kids tables, kids rugs, design rugs, marshmallow stool, kids lights, kids chair, kids present ideas, wooden kids furniture, kids design furniture, kinder modern, interiors blog, interior design blog
+deco blog, plusdeco blog, plus deco, kids furniture, kids tables, kids rugs, design rugs, kids lights, kids chair, kids present ideas, wooden kids furniture, kids design furniture, kinder modern, interiors blog, interior design blog
+deco blog, plusdeco blog, plus deco, kids furniture, kids tables, kids lights, kids chair, kids present ideas, wooden kids furniture, kids design furniture, kinder modern, interiors blog, interior design blog
in Interni, Ispirazione, Ispirazione colori, Mobili

I piatti ‘Terra’ e il mio amore per lo yoga.

piatti, plates, argilla, ulia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates, piatti blu, piatti legno,

Mi hanno recentemente chiesto di che religione fossi. Istintivamente ho risposto ‘Yoga’.

Era una risposta provocatoria ma sicuramente praticare yoga ha sicuramente guidato la mia mente negli ultimi anni. Mi ha dato calma, sicurezza e insegnato l’accettazione.

Io ho praticato Ashtanga per anni e poi, visto che i miei incastri di orari non mi permettevano di andare più alla Scuola di Ashstanga, ho cominciato a frequentare un altro centro e ad esplorare stili e metodologie d’insegnamento differenti. Nei miei anni di yoga, ho imparato a concentrarmi meglio, a lasciare andare i pensieri negativi, a pensare a me (che suona male ma in realtà significa semplicemente non giudicare te stesso in confronto agli altri) ed il mio corpo è diventato forte e flessibile.

Ho incontrato molte persone dedite che mi hanno ispirato con passione e conoscenza. Se state leggendo questo post -maestri- sappiate che ve ne sono grata.

Questa consapevolezza sta influenzando ogni aspetto della mia vita e mi sta rendendo una persona migliore.

Non è un caso che anche nel mio lavoro, tenda a scegliere materiali naturali e oggetti che hanno una storia.

Per esempio amo la collezione di Julia Pilipchatina Terra.

I suoi piatti meravigliosi sembrano fatti di legno e ceramica ma sono in realtà fatti di argilla pitturata come il legno e laccata come la ceramica; oltre ad essere belli, non sono difficili da gestire come quelli in legno (un materiale che assorbe gli odori e non vuole troppa acqua).

Mi piacciono le forme irregolari di questi piatti e la combinazione fra un colore, l’oro e l’effetto legno.

Belli dentri e fuori come spererei di essere io.

piatti, plates, argilla, ulia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates, piatti blu, piatti legno,
piatti, plates, argilla, ulia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates, piatti blu, piatti legno,
piatti, plates, argilla, ulia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates, piatti blu, piatti legno,
plates, julia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates
plates, julia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates
plates, julia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates
plates, julia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates
plates, julia pilipchatina, tableware, clay dishes, interiors blog, black plates, wooden plates, bechance plates, blu plates
in Interni, Interni

Arredare col cactus

Il titolo mi fa molto ridere. Del resto se decidi di arredare col cactus devi essere una persona spiritosa.

Non entrerò in merito alle varie interpretazioni ispirate dalla forma di questa pianta desertica e primitiva,  mi limiterò a proporvi delle idee per decorare la vostra casa con degli oggetti o tessuti rappresentanti dei cactus.

Se invece siete degli appassionati dello stile tropicale in generale, leggete il post con i miei suggerimenti o guardate delle bellissime carte da parati qui.

A 170 cm high cactus by Gufram.

White porceilan set of cactai from I Love Retro.

Cactus juicer from Red Candy

Cuilko textile by Pierre Frey

Serving dish by Hallmark

 

 

Cactai candles from Not On The High Street

 

A colourful pencil holder from Red Candy

Cactus framed art by Houzz.

 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

in Arte + artigianato, Interni, Ispirazione, Mobili, Persone

Les coléopterès

 

E’ incredibile come situazioni, cose, persone ed intenzioni si intreccino ed intersechino secondo disegni inaspettati.

Un sabato mattina di metà settembre, mi sono trovata al Gatsby Cafè a fare colazione con un perfetto sconosciuto ‘adescato’ in rete. Avevo visto su Instagram le sue creazioni e volevo scrivere un post su Les Coléopterès, i bellissimi coleotteri in ceramica che disegna e produce a mano.

Quando mi sono alzata per andar via, mi sembrava di aver trovato un potenziale amico e finalmente un interlecutore interessante e divertente (merce rara di questi giorni). Il lato positivo della rete è proprio questo, la possibilità di tessere, per l’appunto, una rete di persone, virtuali o meno, che condividono i tuoi interessi.

Maurizio Minerva è un uomo elegante, dallo sguardo dolce che vive fra Roma e Tel Aviv e lavora free-lance come art director e graphic designer, dopo anni passati in una grande agenzia di comunicazione. Voglioso di mettere la sua versatile e frizzante creatività a frutto in forme diverse, ha studiato ceramica a Parigi per poi sviluppare una collezione di coleotteri pitturata a mano in tiratura limitata.

Les Coléopterès arrivano in cornici di legno di pino di misura 19 x 26 x 5 cm, incartate accuratamente con delle belle carte e identificate dal bellissimo logo disegnato ovviamente da Maurizio. Sono indubbiamente il regalo perfetto e per-sempre da chi sa distinguersi dal coro. Prendete nota, amici!

 

in Esterni, Interni, Mobili

A proposito delle bottiglie Chilly’s e cosa significa tenere un blog

La cosa migliore quando hai un blog è che la gente ti scrive per presentarti prodotti, artefatti, invitarti o semplicemente segnalarti bei progetti o eventi. E’ quello che successo qualche giorno fa quando il mio stiloso cugino Piero mi ha mandato un messaggio con il link delle bottiglie Chilly’s, suggerendomi che avrebbero potuto essere materiale per un articolo nel mio blog e, di fatti, eccomi qui a scriverne.

Negli ultimi anni, più di una persona mi ha chiesto informazioni sul blog.

Credo che sia difficile per molti capire quanto lavoro si celi dietro le pagine di un blog, fino a che non lo si prova con mano.

Prima di tutto devi avere qualcosa da dire e da mostrare, devi presentare dei contenuti interessanti.

Alcuni giorni fai fatica a trovare argomenti vari e accattivanti, altre volte ti vengono due o tre buone idee in un giorno. Non è sempre tutto rose e fiori.

Devi poi ricercare le foto o fare le foto. Spesso le immagini hanno bisogno di essere post-prodotte o anche solo tagliate e ridotte, comunque calcola un pò di tempo per ritoccarle.

Naturalmente bisogna sempre ricordarsi di citare l’autore delle immagini o per lo meno la fonte, perchè sharing is caring ma solo se fatto in modo corretto.

Il passo successivo è la stesura del testo. Io scrivo in italiano e in inglese ed a volte le qualità della mia scrittura dipende dall’ora in cui scrivo, da quanto sono stanca o da quanta fretta ho. Mi arrivano dei lavori e delle oppurtunità attraverso il blog ma la maggiorparte o tutta la mia giornata lavorativa  a seconda delle settimane è occupata dalla mia collaborazione con una società di produzione foto e video e dalla mia attività di interior designer e personal shopper.

Quando hai finito con i contenuti, devi poi mettere le parole chiave per incrementare le chance che il tuo post venga trovato.

Una volta che il post è stato pubblicato, si entra nel mondo dei social media e  in questa fase, onestamente, avresti bisogno di un dipendente a tempo pieno per farlo bene.

Essere presente nei social media richiede tante ore che spesso non ho per cui faccio semplicemente quello che posso.

Quindi, per ricapitolare, per tenere un blog ci vuole tempo e pazienza.

Prima di cominciare, assicurati di essere molto motivato altrimenti non avrai la costanza per mantenere l’impegno.

Da questa analisi, risulta inoltre evidente che avere un blog di successo è più facile quando hai soldi da investire e persone che lavorano per te. Eppure, anche in questo caso, senza dei contenuti o delle idee accattivanti non vai da nessuna parte.

A me piace molto e spererei di avere più tempo e fondi da investire in questo progetto; eppure fino ad ora posso dire che mi ha dato tante soddisfazioni, ho imparato tanto e sono orgogliosa di quello che ho fatto (da sola).

Del resto lavoro e determinazione sono requisiti imprescindibili quando vuoi ottenere qualcosa.

in Arte + artigianato, Interni, Ispirazione, Persone

I bambini non sono perfetti

Pensavo in questi giorni che i bambini di oggi crescono in un mondo tanto competitivo da essere allarmante.

A dirla tutta, non ne sarebbero ancora consapevoli se non fosse per i genitori che premono affinchè i propri figli siano perfetti senza capire le reali conseguenze che una continua sollecitazione in questo senso può comportare . Sicuramente abbiamo tutte le migliori intenzioni, vogliamo che i nostri bambini siano felici e di successo e per questo cerchiamo di farli crescere ‘completi’ secondo quelli che pensiamo siano gli standard della società contemporanea. Fin da piccoli, devono imparare a socializzare, competere, suonare uno strumento, imparare un’altra lingua, essere alla moda, sicuri di sè, intelligenti e autonomi, dolci ma forti, creativi ma analitici.

Anche se non lo ammetteremo mai, vogliamo che siano perfetti e totalmente vendibili.

Sabato scorso sono andata con Giulio alla festa di compleanno di una sua amica e arrivati lì,  Giulio ha speso i primi 20 minuti a giocare da solo.  In men che meno, almeno due adulti mi hanno chiesto che cosa avesse. Nonostante generalmente pensi con la mia testa, mi è subentrato il dubbio che questo suo iniziale isolamento potesse essere un problema.

Eppure, chi non  sta un pò sulle sue quando va ad una festa o ad una cena dove non conosce nessuno? Giulio non era nè triste, nè arrabbiato, nè in nessun modo a disagio, stava semplicemente giocando da solo.

Non era lui ad avere le ansie ma noi adulti, che quando vediamo nei bambini comportamenti che si distaccano da quello che noi pensiamo sia corretto, entriamo nel panico. Non era lui ad avere un problema, ero io e tutti quelli che mi hanno chiesto cosa avesse.

Li amiamo perchè sono spontanei e contemporaneamente facciamo di tutto per strutturarli secondo schemi precostituiti. Che stupidaggine.

I bambini non sono perfetti e se vogliamo tirarli su felici, sicuri di se stessi e capaci di gestire i colpi di coda, le emozioni e le pressioni della vita, dobbiamo imparare a lasciarli vivere con calma e  a sviluppare la loro personalità, non tentare di incrementare il loro livello di perfezione.

 

Maiko Nagao sembra aver scoperto cosa la rende felice, creare bellissime stampe con la sua poetica calligrafia per poi venderle nel suo negozio online con consegna in tutto il mondo.

Per invogliarbi a scoprire il mondo di Maiko Nagao, ho pubblicato, qui di seguito,  alcune stampe scaricabili gratuitamente dal suo blog ; sul suo sito trovi tanta altra creatività:  idee regalo per bambini, stampe, biglietti o etichette. Per un progetto speciale, accetta anche commissioni personalizzate, basta contattarla.

 

Stampe di Maiko Nagao scaricabili gratuitamente

Stampe di Maiko Nagao scaricabili gratuitamente

Stampe di Maiko Nagao scaricabili gratuitamente

 

Stampe di Maiko Nagao scaricabili gratuitamente

 

Etichette per spray anti-mostri di Maiko Nagao, scaricabili gratuitamente

Stampe di Maiko Nagao scaricabili gratuitamente

Disponibile a Maiko Nagao

in Arte + artigianato, Mobili

FactoLab concrete world

Natale è quasi alle porte, è incredibile come il tempo passa. E’ tempo di essere allegri, lo so ma mi devo prima togliere un sassolino dalla scarpa.

In quanto madre di un bambino di cinque anni, sono circondata da tanti genitori e non posso non notare che a volte facciamo e diciamo cose ai nostri bimbi senza riflettere troppo.

Dovremmo. Dovremmo fermarci un secondo e pensare a che messaggi diamo a queste piccole spugne che abbiamo il compito di formare.

Per esempio, quello che non sopporto in questo periodo dell’anno è sentire dei genitori dire ai propri figli che devono comportarsi bene se vogliono che Babbo Natale gli porti dei regali.

Che messaggio si nasconde dietro un’affermazione di questo genere?

Allora tutti i bambini le cui famiglie non si possono permettere di comprare regali si sono comportati male? E i bambini ricchi e viziati sono quindi più bravi di altri meno abbienti? I bambini siriani non ricevono nulla perchè non si meritano nulla secondo questa logica. E’ questo il messaggio che vogliamo far passare indirettamente, che se ti comporti bene avrai e quindi quelli che non hanno non si sono comportati bene?

Capisco perfettamente che a volte i genitori sono sotto pressione e usano armi di ricatto per esasperazione ma in un mondo dove alcune persone hanno troppo e la maggiorparte non abbastanza, dovremmo pesare meglio le nostre parole se vogliamo crescere individui consapevoli e giusti

Va bene l’ho detto, possiamo tornare a parlare dell’allegro Natale ed in particolare di regali.

Quest’anno comprerò la maggioranza dei miei regali su Etsy e sicuramente prenderò alcuni di questi eleganti vasi in cemento di FactoLab.

Ogni pezzo è fatto a mano a Firenze e per questo unico con le sue piccole imperfezioni di materia che aggiungono fascino a queste geometriche forme.

A un ragionevole prezzo, i vasi, le ciotole,  i portalampada e porta candela di FactoLab sono sicuramente un regalo che avrà successo un pò con tutti.

Certo, sempre se si saranno comportati bene……

deco_factolabdeco_facto_marble_2 deco_facto_formadeco_facto_esadeco_facto_ore_set3_2 deco_facto_ore_set3_3deco_facto_forma_teacandle-holder_1

facto_geometrica_1deco_facto_cubus_nude_1deco_facto_cubus_nude_2deco_facto_abecedarium_1 deco_facto_cubus_1 deco_facto_diamond deco_facto_esa_boxdeco_facto_ore_3

SalvaSalva

in Interni, Mobili

Lampade di piume

Che fare stasera con il mio tempo libero? 
Mi metto lo smalto o scrivo un post sulle lampade con le piume? Non c’è neanche da pensarci. 
Non vedo l’ora di farvi vedere queste meravigliose, esagerate, seducenti  lampade Ostrich Feather (piuma di struzzo in Italiano) di A Modern Grand Tour.   
Non sorprende il fatto che lo stilista britannico Matthew Williamson ne abbia una a casa sua e una nel suo showroom! Stanno benissimo in un contesto super-classico o in uno spazio arredato con uno stile colorato ed esotico (come quelli di Matthew Williamson) e sono fatte benissimo (il che spiega il prezzo). 
Mi piacciono anche le lampade da tavolo  Multa di Temple and Ivy, con o senza paralume piumato.
E chi ha bisogno di smalto quando hai delle lampade così? 
             
Close